bando

Marche: corso per operatori di nido domiciliare

Postato il Aggiornato il

IAL Marche Srl, promuove un corso di formazione autorizzato dalla provincia di Macerata (D.D. n. 48/VI del 18/02/2016) della durata di 88 ore con sede a Macerata.

Si tratta di un corso di aggiornamento per operatore di nidi domiciliari.

L’Operatore di nidi domiciliari, secondo quanto previsto dalla DGR 1038/2012, è un soggetto che accoglie uno o più bambini in età compresa tra 0 e 36 mesi presso il domicilio (proprio o della famiglia) o in luogo terzo appositamente attrezzato favorendone, in accordo con la famiglia, la crescita, la socializzazione, l’autonomia e lo sviluppo nel rispetto dei tempi individuali.

Al termine del percorso formativo sarà rilasciato l’Attestato di Frequenza ai sensi dell’art. 8 L.R. 31/98. (Cod. Reg. TE10.11.1.1)

Il corso avrà un costo complessivo di € 400,00 a persona, le modalità di pagamento sono esplicitate sul bando.

SCADENZA ISCRIZIONI: 25/03/2016

Oper-nidi-domic-336x212

INVIARE:

1.   Domanda di partecipazione (Allegato 9);

2.   Curriculum Vitae formato europeo firmato in originale (Allegato 16).

3.   Copia del titoli di studio o autocertificazione;

4.   Copia del documento d’identità firmato in originale e in corso di validità;

5.   N° 1 fototessera;

6.   Autocertificazione che attesti di non aver procedimenti penali in corso e di non aver subito condanne penali per reati relativi ad abusi, maltrattamenti, ed altri fatti previsti dalla l. 269/98, così come disposto al comma 4 dell’allegato c alla dgr 1038/2013;

7.   Copia del permesso di soggiorno in corso di validità o della ricevuta postale per la richiesta di rinnovo per i cittadini stranieri

I candidati i cui TITOLI DI STUDIO SONO STATI CONSEGUITI ALL’ESTERO dovranno produrre:

• Certificazione di equipollenza del titolo di studio conseguito all’estero, qualora si tratti di cittadini stranieri provenienti da paesi dell’UE;

• Dichiarazione di valore del titolo di studio resa dalla rappresentanza diplomatica italiana presente nello stato che ha rilasciato il diploma o certificazione di equipollenza del titolo di studio conseguito all’estero, qualora si tratti di cittadini provenienti da paesi extracomunitari.

TRAMITE:

–        raccomandata A/R (farà fede il timbro postale) all’indirizzo di IAL Marche Srl – Via dell’Industria, 17/A – 60127 Ancona (AN)

–        consegna a mano – previo appuntamento – presso la sede IAL del CFP di Macerata di Via dei Velini n. 52/b – 62100 Macerata (MC);

indicando sulla busta la dicitura

Corso AGGIORNAMENTO OPERATORE NIDI DOMICILIARI (Macerata) – cod. 193532”

La domanda di iscrizione, compilata, sottoscritta e completa di allegati, dovrà pervenire tassativamente

 entro e non oltre il 25/03/2016

BANDO, DOMANDA DI PARTECIPAZIONE, SCHEMA CURRICULUM VITAE, DICHIARAZIONE NO PENDENZE PENALI

Annunci

Ad Albano Laziale voucher solo per le Cooperative

Postato il

Ad Albano Laziale (RM) l’amministrazione comunale ha scelto di sostenere solo le famiglie dei bambini accuditi da tagesmutter che lavorano in Cooperativa. Una scelta opinabile? Perchè invece non riconoscere un voucher a tutte le famiglie che acquistano un servizio all’infanzia? Potrebbero esserci sul territorio delle tagesmutter che lavorano in autonomia (o delle donne/degli uomini che stanno per intraprendere questo mestiere), senza essere per forza vincolate a Cooperative che dettano le proprie condizioni economiche e lavorative ai soci lavoratori. Altre tagesmutter potrebbero scegliere invece di costituire un’associazione con o senza genitori dei bimbi. Insomma, perchè sostenere solo chi sceglie (o si trova a scegliere, vista la situazione) le Cooperative?

Per chi fosse interessato, l’avviso pubblico.

“Nidi al via”: 3.800.000 euro per nuovi posti nido nella Regione Lazio

Postato il

nidialvia

Scade il 1 marzo 2016 l’adesione, da parte dei Comuni interessati, al bando “Nidi al via”: 3.800.000 euro FSE stanziati dalla Regione Lazio per la realizzazione di nuovi posti nido, tra asili nido, micronidi, nidi familiari, spazi gioco, centri per bambini e genitori.

Potranno farne richiesta le amministrazioni comunali di: BRACCIANO, CANINO, CAPRANICA, CISTERNA DI LATINA, COLONNA, CORENO AUSONIO, FIUMICINO, GALLICANO NEL LAZIO, GIULIANO DI ROMA, ITRI, LADISPOLI, MORICONE, MORLUPO, MOROLO, PICO, RIETI, ROMA CAPITALE, SAN GIOVANNI INCARICO, SUTRI, TUSCANIA, VEROLI, VIGNANELLO, VILLA LATINA, VILLA SANTO STEFANO.

Il testo del bando

Cremona: alle famiglie voucher di 500 euro per i servizi di conciliazione

Postato il

voucher

Entro il 30 settembre 2015 le famiglie di Cremona possono richiedere al Comune dei voucher, bonus spendibili per l’accesso ai servizi pubblici e privati di conciliazione vita-lavoro mediante i quali viene autorizzato il rimborso di parte delle spese sostenute e regolarmente documentate.

Il voucher consiste in un contributo per l’utilizzo/ rimborso una tantum di uno o più dei seguenti servizi:

  • Asilo nido
  • Micronido
  • Centro prima infanzia
  • Nido Famiglia
  • Baby sitting
  • Baby Parking
  • Ludoteca
  • Mense scolastiche
  • Trasporti scolastici
  • Centri ricreativi diurni
  • Servizi domiciliari
  • Assistenti familiari
  • Eventuali altri servizi di simile natura

Il valore di ogni voucher è pari a complessivi € 500,00. Le risorse disponibili per l’anno 2015 sono pari a € 19.000, per un totale di 38 Voucher da erogare sul territorio del Distretto di Cremona.

Le domande pervenute saranno valutate da apposita Commissione composta dai referenti tecnici dei soggetti partner del progetto Tempomat.

L’erogazione dei voucher avverrà in base alla graduatoria formulata dalla Commissione a seguito della valutazione delle domande pervenute e ritenute ammissibili, secondo i criteri sotto elencati:

  • composizione anagrafica del nucleo familiare
  • condizione lavorativa
  • presenza e caratteristiche dei carichi di cura
  • situazione economica certificata tramite attestazione I.S.E.E.

I voucher saranno erogati dall’Azienda Sociale del Cremonese.

Per ulteriori informazioni e per richiedere i voucher: www.comune.cremona.it

Corsi gratuiti per tagesmutter finanziati dalla Regione Sicilia: bandi e domande d’ammissione

Postato il

sicilia

da www.assforseo.info

Ass.For.SEO ha aperto le selezioni per l’ammissione ai seguenti corsi di formazione professionale gratuiti, finanziati dalla Regione Sicilia, a valere sull’Avviso 20 III Annualità «Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: opportunità giovani. Priorità 3»:

– Addetto ai servizi di ricevimento (2 corsi a Palermo)
– Operatore computer grafica con rilascio ECDL (2 corsi: 1 a Palermo e 1 ad Agrigento)
Addetto alle comunità infantili e tagesmutter (2 corsi: 1 a Palermo e 1 ad Agrigento)
– Operatore linguistico (1 corso ad Agrigento)
– Estetista 3° annualità (1 corso ad Agrigento)
– Operatore socio assistenziale (2 corsi: 1 a Palermo e 1 ad Agrigento)
– Operatore socio assistente alla comunicazione LIS (1 corso ad Agrigento)

Consulta il dettaglio dei corsi per conoscere finalità, destinatari, modalità di iscrizione e selezione e termini di scadenza presentazione domande.

Al termine del corso, a seguito del superamento dell’esame finale, a cui saranno ammessi solo gli allievi che abbiano frequentato almeno il 70% del monte ore totale del corso, sarà rilasciato il certificato di qualifica professionale riconosciuto ai sensi della Legge n. 845 del 21 dicembre 1978.

Bando di Palermo

Domanda di iscrizione Palermo

Bando di Agrigento

Domanda di iscrizione Agrigento

Ecco i bandi per il “Pacchetto famiglia” della Regione Lazio: nidi pubblici, welfare aziendale e sostegno alla genitorialità

Postato il

famiglia_disegno

Da www.socialelazio.it

Gli avvisi pubblici sono rivolti a Comuni, organismi del Terzo settore e società e imprese private. L’Assessore Visini: “Dalla Regione un aiuto concreto alle famiglie: più asili nido, più inclusione sociale, più interventi educativi, più sostegno a chi è a rischio povertà”

Oltre 40 progetti di sostegno alla genitorialità, 10 nuovi nidi aziendali aperti al territorio e un piano di ammodernamento dei nidi pubblici già esistenti: sono gli obiettivi di tre bandi pubblici, per un totale di 4,8 milioni di euro, che la Regione Lazio pubblicherà nei prossimi giorni a partire da domani. I bandi daranno attuazione ad alcune delle misure previste nelPacchetto famiglia 2015, il piano di azioni a sostegno dei nuclei familiari del Lazio varato dalla Giunta Zingaretti nel gennaio scorso.

“Il nostro è un aiuto concreto alle famiglie, soprattutto a quelle in difficoltà”, dichiara l’assessore regionale alle Politiche sociali e allo sport Rita Visini. “In questi anni di crisi il disagio sociale tra i nuclei familiari è diventato più vasto, e l’unica risposta che devono dare le istituzioni è tutelare i diritti e rendere più efficienti i servizi alle persone. E’ quello che sta facendo la Regione: più asili nido, più inclusione sociale, più interventi educativi, più sostegno a chi è a rischio povertà”.

BANDO PROGETTI TERZO SETTORE
Bando aperto (26 giugno-27 luglio 2015): vai alla pagina dell’avviso pubblico

Il primo degli avvisi pubblici sarà rivolto alle organizzazioni del Terzo settore e metterà a disposizione 1,3 milioni di euro per iniziative di aiuto alle famiglie in difficoltà e per le attività di centri diurni e case famiglia. Il bando prevede l’assegnazione di circa 30mila euro a ciascun progetto approvato, che potrà riguardare il supporto educativo alla genitorialità, la mediazione familiare, gli interventi per le mamme sole con bambini o i papà separati, l’accoglienza e le attività di integrazione sociale dei minori in difficoltà nelle strutture diurne o residenziali. Le domande potranno essere presentate a partire da domani  fino al 27 luglio.

BANDO WELFARE AZIENDALE
Bando in pubblicazione: online dal 1 luglio 2015

Il bando, che sarà aperto dal 1 luglio al 30 novembre, metterà a disposizione 1 milione di euro per progetti di welfare aziendale. A 10 anni dall’ultima sperimentazione fatta dalla Regione, l’avviso pubblico si rivolgerà a società e imprese private interessate ad avviare asili nido e servizi di conciliazione lavoro-famiglia, in un’ottica di responsabilità sociale d’impresa. Verrà dato un incentivo alle forme di rete (come i nidi interaziendali) e sarà previsto l’obbligo di messa a disposizione dei Comuni di una percentuale minima di posti in regime di convenzione, in modo tale da ampliare anche l’offerta pubblica. Il bando finanzierà 10 progetti da 100mila euro da destinare all’abbattimento delle rette e dei costi di avviamento; gli investimenti, invece, resteranno in carico all’azienda.

BANDO MIGLIORIA NIDI COMUNALI
Bando in pubblicazione: online dal 6 luglio 2015

L’avviso pubblico sarà aperto ai Comuni del Lazio e ai Municipi di Roma Capitale e assegnerà 2,5 milioni per i progetti di miglioria dei nidi comunali già funzionanti. Con le risorse a disposizione sarà possibile l’acquisto di attrezzature per i bambini, l’ammodernamento degli spazi-gioco, le ristrutturazioni per la tenuta termica e il risparmio energetico, il potenziamento dell’offerta formativa (per esempio con la didattica sportiva e musicale) e la formazione degli educatori. Il contributo per ciascun progetto sarà di 2000 euro per ogni posto-bambino offerto dal nido, con un massimo di 100mila euro per le strutture di Roma Capitale e di 60mila euro per quelle del resto del Lazio. Il bando sarà pubblicato il 6 luglio e gli Enti locali potranno presentare la domanda di partecipazione fino al 15 settembre.

Montessori a 360° e Montessori e disabilità: alcuni imperdibili corsi per educatori dell’infanzia e/o genitori.

Postato il

montessori

Ecco alcune imperdibili occasioni di formazione per gli operatori dell’infanzia che vogliono conoscere o approfondire il Metodo Montessori, frequentando dei corsi riconosciuti dal MIUR.

A Parma, l’Associazione Montessori di Brescia e Irecoop Parma propongono un corso di 30 ore dal titolo “Imparo con le mani – Il materiale Montessori come sostegno alla disabilità”, dedicato ad educatori, insegnanti e genitori di bambini dai 3 ai 6 anni. Il corso partirà a settembre 2015 e sarà tenuto da docenti ed esperti del Metodo Montessori, tra cui insegnanti, educatori e pedagogisti. Le ore del corso saranno riconosciute dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e verrà l’attestato di partecipazione rilasciato dal CNIS Associazione per il coordinamento Nazionale degli insegnanti specializzati e la ricerca delle situazioni di handicap (Locandina e scheda d’iscrizione e pagina del Corso).

Dedicati agli educatori dell’infanzia, come ogni anno l’Opera Nazionale Montessori, accreditato per la Formazione Montessori dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), organizza dei corsi di specializzazione Montessori. Per l’anno 2015-2016 sono ancora aperte le iscrizioni ai corsi di Roma, Udine e Terni. La frequenza è sicuramente impegnativa (circa 9 mesi per il corso di Roma) ma ampliamente motivata e anche se ci sono dei costi importanti da sostenere, gli importi sono rateizzabili.

Per ulteriori informazioni sul corso di Parma: Irecoop Parma e il Metodo Montessori.

Per ulteriori informazioni sui corsi dell’Opera Nazionale Montessori: Formazione ONM.