una casa in più

Fare della gioia di vivere un mestiere: la storia di Shalma e del suo nido domiciliare

Postato il Aggiornato il

titolo2

“Basta poco per essere Felici: trovare tempo per sè stessi, trovare tempo per i nostri figli, offrire disponibilità (al dialogo, al gioco…)” Mamma Shalma – tagesmutter

Shalma è una giovane donna, nata nella lontana Dakka e adottata da una famiglia di Parma quando aveva solo due anni. A Parma, Shalma sembra proprio aver trovato la sua personale strada per la felicità: una vita insieme a Marco, suo marito, e a Stella e Stafano, i loro bellissimi bambini. E quando c’è gioia e c’è positività, viene naturale condividerla anche con chi ci sta accanto. Specialmente con i bambini. Così Shalma ha creato un “nido domiciliare” presso la propria abitazione, aperto h24, persino durante le festività, nei fine settimana o di notte, per venire incontro anche a quei genitori che lavorano su turni. Un nido domiciliare riconosciuto dal Comune di Parma attraverso il progetto “Una casa in Più”.

“La mia è quella che molti definiscono una vita normale, quasi banale: fare la mamma e fare la moglie… però questa quotidianità così pacata e normale è una grande conquista”,

scrive Shalma. E ancora:

“Credo nell’ approccio Positivo e nel rispetto delle Regole. Le regole sono fondamentali per stare bene con sè stessi e con gli altri. Ti fa sentire bene averle e ti rende felice sapere che gli altri apprezzano i tuoi sforzi per rispettarle. Sembra strano, ma incanalare certe azioni o pragrammare alcuni momenti fa sentire protetto il bambino. Strutturare attivitá ludiche o mangiare sempre allo stesso orario e vedere che qualcuno disciplina ogni cosa per il suo bene, lo fa sentire amato… Penso che ogni momento vada vissuto e apprezzato con attenzione. Camminare, parlare o sfogliare un libricino: sono tutte azioni piene di significato e di gioia di scoprire il mondo che ci circonda, con i primi dubbi e le piccole incertezze si formano le grandi domande. Bisogna ascoltare bene ogni momento e rispondere alle necessità individuali di ogni bambino.”

Shalma ha realizzato un sito molto carino per raccontare la sua esperienza ed illustrare la propria attività: http://www.mammashalma.com dove potrete trovare anche un simpatico video di presentazione.

Un grande in bocca al lupo a Shalma! Se volete contattarla, potete farlo attraverso il modulo di contatto nella home page del suo sito.

Se anche voi volete parlare della vostra esperienza come tagesmutter/nido famiglia, contattatemi!

 
Annunci

Per le famiglie residenti nel Comune di Parma, scade domani il bando “Una casa in più”

Postato il Aggiornato il

Immagine

Rivolto alle famiglie con bimbi in età prescolare residenti nel Comune di Parma, si chiude sabato 25 gennaio il bando “Una casa in più”, per l’assegnazione di contributi di conciliazione dei tempi di lavoro e cura.

Per presentare la domanda, è necessario rispondere ad uno dei seguenti requisiti:

a)         esistenza di esigenze particolari di accudimento del bimbo di qualche ora il giorno o qualche giorno la settimana o per periodi limitati nell’anno, per esempio per impegni legati a: lavori saltuari, a chiamata, flessibili o per incarichi temporanei (periodi di tempo limitati di qualche mese o qualche settimana); orari disagevoli di lavoro (nelle primissime ore del mattino prima delle ore 7,30 o la sera dopo le 18,00), o impegni in attività organizzate per turni); lavoro nei giorni festivi e prefestivi;

b)         stato di esclusione – anche temporanea – del bimbo dall’offerta educativa dei Servizi per l’infanzia del Comune di Parma, per mancanza di posti disponibili, a fronte della presentazione di regolare domanda;

c)         necessità per la madre o per il padre di riprendere il lavoro già nei primi mesi di vita del bambino/a o nei casi in cui il bambino/a nasca oltre il termine previsto per fare domanda per i servizi educativi (impossibilità di fare domanda al nido);

d)         recente trasferimento nel Comune di Parma e conseguente impossibilità ad accedere ai servizi educativi essendo le iscrizioni già chiuse;

e)         famiglie in difficoltà su segnalazione del Servizio Sociale Territoriale anche in deroga ai parametri reddituali previsti.

Inoltre, il valore ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) delle famiglia deve essere compreso tra 7.500,00 € e 28.000,00 €.

Le domande vanno inoltrate agli sportelli polifunzionali del DUC (Centro Servizi al Cittadino) (piano – 1) – L.go Torello de Strada n. 11/adal lunedì al venerdì dalle ore 8,15 alle ore 17,30 o il sabato dalle ore 8,15 alle ore 13,30.

Per maggiori informazioni, visitate il link disponibile sul sito www.famigliaparma.it